Is iscacos

scacchi

INFORMATZIONES GENERALES

Is iscacos sunt unu giogu de mesa naschidu in India in su de ses sèculos e difòndidu in cada parte de su mundu.

Su faeddu “iscacos” lòmpet dae su persianu shi’a, chi bolet nàrrere “re”. In is diferentes limbas chi influentzant a su sardu pigat varios nùmenes: scacchi in italianu, ajedrez in ispagnolu, escacs in catalanu, chess in inglesu e échacs in frantzesu.

in custu giogu ddu ant duas giogadores e un’iscachera

(chi si traduet scacchiera in italianu, tablero de ajedrez in ispagnolu, tauler d’escacs in catalanu, chess board in inglesu,  échiquier in frantzesu)

 …cun 32 petzos,…

(pezzi in italianu, piezas in ispagnolu, peças in catalanu, pieces in inglesu, pièces in frantzesu)

…seighi pro cadaunu giogadore. S’iscachera est dividida in 64 casellas,…

(caselle in italianu, casillas in ispagnolu, caixas in catalanu,  squares in inglesu, cases in frantzesu)

…32 biancas e 32 nieddas alternadas, chi formant oto colunnas (chi andant dae sa litera a a sa litera h), oto traversas (dae sa 1 a sa 8) e 26 diagonales.

IS PETZOS DE IS ISCACOS

Is petzos de is cales cadaunu giogadore disponet sunt:

  • duas rocas o turres (dae su latinu tŭrris) (torre in italianu, roque in ispagnolu, roque in catalanu, rook in inglesu, tour in fratzesu) chi mòvent cun diretzione   orizontale o verticale in s’iscachera;
  • duas alfieres ( dae s’aràbu al-fīl) (alfiere in italianu, alfil in ispagnolu, alfil in catalanu, bishop in inglesu, fou in frantzesu) chi movent in diagonale;
  • unu re (re in italianu, rey in ispagnolu, rei in catalanu, king in inglesu, roi in frantzesu) chi movet de una casella sceti, in cada diretzione;
  • una reina (regina/donna in italianu, dama in ispagnolu, dama in catalanu, queen in inglesu, dame in frantzesu) chi movet in cada diretzione;
  • oto peones (dae su latinu pes pedis) (pedone in italianu, peon in ispagnolu, peò in catalanu, pawn in  inglesu, pion in frantzesu) chi movent a in antis de una casella (sa prima podet finas essere de duas casellas)

Is peones movent dae sa segunda traversa, is àteros petzos dae sa prima.

SA LEADA/PIGADA

Cun sa leada/pigada unu petzu eliminat dae su giogu unu petzu de s’aversariu chi istat in dd’una casella a suta de s’atacu suo.

IS FASES DE SA PARTIDA

In su giogu de is iscacos si considerant de manera abituale tres fases:

  • S’aberidura, chi cumprendet is primas giogadas, a in ue is petzos s’istèsiant dae is casellas initziales;
  • Su giogu mediu, cando is duos avversarios tenent medas petzos e peones, e custos gherrant de manera intensa;
  • Su finale, a in ue ddoe istant pagos petzos e peones.

Sa prima mòvida est de su giogadore biancu, a su cale sighit su nieddu e aici a in antis, in alternantzia, finas a s’acabu de sa partida (de iscacos).

(partita a scacchi in italianu, partida de ajedrez in ispagnolu, joc d’escacs in catalanu, chess game in inglesu, partie d’échec in frantzesu).

Is partidas de iscacos podent acabare:

  • cun s’iscacu (e) matu (dae s’aràbu-persiano shāh māt [su Re est mortu])

(scacco matto in italianu, jaque mate in ispagnolu, escac i mat in catalanu, checkmate in inglesu, échet et mat in frantzesu);

  • cun su retiru de unu de is duas giogadores;
  • cun s’ex aequo/impasse/istallu, cando unu giogadore non podet prus movere, mancari non siat suta de iscacu.

(patta/stallo in italianu, ahogado in ispagnolu, ofegat in catalanu, stalemate in inglesu, pat/impasse in frantzesu)

MOVIDAS ISPETZIALES

Sunt mòvidas ispetziales:

  • S’arrocada (longa o curtza), chi interessat su Re e una de is duas turres (est sa sola mòvida a in ue su Re si movet de duas casellas e a in ue duas petzos mòvent de manera contemporànea) (arrocco in italianu, enroque in ispagnolu, enroc in catalanu, rook in inglesu, roque in frantzesu);
  • S’en passant (en passant in italianu, captura al paso in ispagnolu, captura al pas in catalanu, en passant in inglesu, en passant in frantzesu) chi si produet cando unu peone movet de duas casellas e s’acatant afiancadu a unu peone aversariu.

 

Advertisements
Standard

Sardos istimados, pro ite non nos podimus nàrrere “meridionales”

                                               movimento-politico

 

“Casteddu e sa Sardigna sunt istratègicas pro su rilantzu de su Sud”. “Sa Sardigna sufrit ma amus a agiuare su Sud”. Custas sunt istadas duas de is fràsias espressadas dae su presidente de su Consìgiu Renzi su 16 de Sant’Andria coladu, in ocasione de sa campagna referendària pro s’Eja e chi s’imprenta locale at inditadu cun meda evidentzia.

Ais a pensare chi custa no est una novidade pro nemos. Ma bos invito a ddas torrare a lèghere cun mègius atentzione e a proare a ammanniare sa mirada a su restu de s’Europa mediterrànea. Immaginade pro esempru su primu ministru ispanniolu Rajoy chi, visitende s’artzipèlagu de limba catalana, faghet una decraratzione che a custa: “Palma de Mallorca e is Baleares sunt istratègicas pro su rilantzu de su Sud (craramente ibèricu).

Opuru galu cussu frantzesu Valls afirmare in Ajacciu: “sa Còrsica sufrit ma amus a agiuare su Sud” (naturalmente transalpinu).

Tando, tenende in contu chi est evidente pro totus chi s’economia de sa Còrsica no est ligada de manera non partzibile cun cussa de sa Proventza, nen chi sa sorte de is Baleares est totunu cun cussa de s’Andalutzia, chie si siat diat a èssere capatzu de valutare custas afirmatziones a su mancu che fortzadamente genèricas o de onni manera cun pagu sensu, sende ci sunt entidades meda diferentes s’una dae s’atera.

Ma istranamente, cada borta chi si faghet riferimentu a sa Sardigna propriu de custa manera, paret chi a nemos ddi movat unu pilu e aici est acadèssidu chene farta custa borta etotu.
Ma proite?

Pro nde cumprèndere is orìgines proamus a fàghere unu passigheddu a dae segus. Antoni Gramsci, chi comente s’ischit est istadu unu de is pensadores marxistas magiores non feti italianos (e chi fiat originàriu de sa Campània dae s’ala paterna) aiat teorizadu s’alleàntzia intra is obreris de su triàngulu industriale e is giorronaderis de s’Itàlia de giosso.

Ma de manera chi poderet abarrare in pees, custa aiat netzessitade, che premissa, de unu àteru patu: cussu de s’obreri duositzilianu cun su pastore (e su minadore) sardu sende chi non si podiat ammitere, dae su puntu de vista cosa sua de intelletuale chi aiat rinnegadu is passiones sardistas-indipendentistas sintzillas de sa gioventude, una Sardigna pigada in contu pro su chi est, est a nàrrere una realidade a parte.

Pro Marx e is sighidores cosa sua, difatis, totu su chi non pertocaiat sa dimensione de s’economia (chi fiat pro issos su tretu fundamentale in ue si depiant isvilupare is dinàmicas sotziales e de manera conseguente s’evolutzione de s’istòria) fiat una subra-istrutura chi fiat pretzisu a minimare e pònnere a un’ala, lassendedda in dd’una dimensione de privatesa fata de fogarones domèsticos e faeddos dae is cales sùere de manera poètica comente un’angioneddu cun su late maternu.

Est custu su motivu pro su cale s’ìsula nostra, chi pro motivos chi non si contant est e abarrat realidade natzionale fata (mancari chene istatualidade reconnota a livellu internatzionale), a is ogros issoro depiat èssere destinada a unu “cupio dissolvi”, est a nàrrere a una eutanasia beffadora auto o etero-generada.

E in prus totu custu est istadu rèndidu finas prus grae dae su realizare.si de un’àtera tesi gramsciana, pro sa cale su marxismu depiat conchistare e mantènnere una positzione de egemonia (chi cheret nàrrere semi-monopolistica) in su mundu acadèmicu e intelletuale italianu in generale.

Custu a dolu mannu est acadèssidu pro vàrias deghinas de annos, finas a is dies de oe, pro more de sa mancàntzia de unu pluralismu culturale verdaderu, cun totus is cunseguèntzias malas pro s’ìsula nostra chi nde sunt sighidas).

Est aici chi fiant nàschidos e si sunt difùndidos, in cada àmbitu, is pregiudìtzios raighinados meda pro is cales sa Sardigna sighiat a èssere presentada chene una istòria originale sua, sa limba cosa sua promòvida de manera genèrica che dialetu e pro custu esclùdida dae s’àmbitu pùblicu, sa cultura cosa sua descrìdida che folclore chi non noghet e chene importàntzia, sa longitùdine disconnota e sa latitùdine a s’imbesse semper posta in evidèntzia, sa realidade e su destinu cosa sua de ìsula de su Mediterràneu otzidentale sorre de sa Còrsica e de is Baleares in peruna manera pigada in contu, is numerosos datos sotzio-economicos iscuncordantes cun cussos de is regiones de s’ex Rennu de is duas Sitzilias presentados che un’anomalia, a sa matessi manera de is ischeras polìticas de s’eletoradu suo pro is movimentos identitàrios, natzionalistas e soberanistas. E dia pòdere sighire galu cun medas àteros esempros.

Su datu chi custa ideologia siat istada mannariamente dominadora finas in is duas universidades sardas e chi ddu siat istada, mancari cun àteros obietivos formales e denominatziones, finas a pustis su rùere de is regìmenes comunistas de s’Europa de s’Est, no at traballadu in favore nostru.

A s’imbesse est istada verdaderamente tràgica, sende chi is élites intelletuales si ponent a pitzus de su sistema de flussos de sa comunicatzione polìtica e de sa trasmissione de is balores culturales.

Custos, difatis, comente prevedit su modellu a ispèndula teorizadu dae Deutsch, movent dae susu a giosso trisinende paris a is élites polìticas a in antis pro agabbare, a pustis de una filera de passagios e feedbacks, cun s’opinione pùblica in sa totalidade sua (e chi de custos flussos est sa destinataria prus o mancu cussente).

Est custu su motivu pro su cale su paradigma “meridionalista” pro su cale sa Sardigna diat èssere un’ischera de apenditze de meda meda a tesu de s’Itàlia de giosso e pro custu, ça va sans dire, una versione ispopolada e minore de sa Sitzilia (craramente chene s’istòria sua e sa cultura sua), est aici meda raighinada finas in s’ìsula nostra chi paret diaberus una veridade connota chi diat èssere unu machiore o a su nessi no oportunu o istravagante pònnere in duda.

E est pro custu chi est cosa fundamentale sa de traballare totus in paris cun in conca sa fortza e s’alientu de ddu pònnere in duda, non feti ca est in totu opinabile, ingannosu e chene rispetu pro una realidade mannariamente cumplessa che a sa nostra, ma primariamente ca est meda meda dannàrgiu pro s’immàgine chi nois sardos amus de nois matessi e de su tempus benidore chi in paris depimus fraigare.

Standard

Cari sardi, ecco perchè non possiamo dirci meridionali

         movimento-politico

“Cagliari e la Sardegna sono strategiche per il rilancio del Sud”. “La Sardegna soffre ma aiuteremo il Sud”. Sono due delle frasi pronunciate dal presidente del Consiglio Renzi il 16 novembre scorso nel corso della sua tappa cagliaritana in occasione della campagna referendaria in favore del Si e che sono state riportate con grande evidenza dalla stampa locale.

Fin qui, penserete, niente di nuovo. Vi invito però a rileggere queste frasi con maggiore attenzione ed a provare ad allargare lo sguardo al resto dell’Europa mediterranea. Immaginate ad esempio il primo ministro spagnolo Rajoy, in visita nell’arcipelago di lingua catalana fare una dichiarazione del tipo: “Palma de Mallorca e le Baleari sono strategiche per il rilancio del Sud” (ovviamente spagnolo). Oppure ancora quello francese Valls in visita ad Ajaccio affermare: “la Corsica soffre ma aiuteremo il Sud” (naturalmente francese).

Ora, essendo evidente a tutti che l’economia della Corsica non è inscindibilmente legata a quella della Provenza, né che i destini delle Baleari sono un tutt’uno con quelli dell’Andalusia, chiunque sarebbe in grado di valutare tali di affermazioni per lo meno come forzatamente generiche e comunque poco sensate, trattandosi di realtà molto diverse l’una dall’altra.

Stranamente però nessuno sembra fare una piega allorché si fa riferimento alla Sardegna proprio in questi termini e così purtroppo è immancabilmente avvenuto anche stavolta.
Ma perché avviene tutto questo?

Per capirne la genesi proviamo a fare un passo indietro. Antonio Gramsci, che com’è noto fu uno dei massimi pensatori marxisti italiani e non solo (e le cui origini erano campane dal ramo paterno) aveva teorizzato l’alleanza tra operai del triangolo industriale e braccianti dell’Italia meridionale. Ma affinché potesse stare in piedi, essa avrebbe dovuto avere necessariamente come premessa un altro patto: quello del bracciante duo siciliano con il pastore (ed il minatore) sardo non essendo pensabile, ai suoi occhi di intellettuale che aveva rinnegato le giovanili e ruspanti passioni sardiste-indipendentiste, una Sardegna intesa per quella che è, cioè come realtà di fatto a sé stante.

Per Marx e i suoi epigoni infatti, tutto ciò che non atteneva alla dimensione economica, che era ai loro occhi l’ambito fondamentale delle dinamiche sociali e della conseguente evoluzione della storia, era infatti una sovrastruttura da marginalizzare e rendere irrilevante e comunque da confinare sempre ad un innocuo e decadente privato fatto di focolari domestici e vernacoli a cui attingere poeticamente come fa un agnello con il latte materno.

E’ il motivo per cui la nostra isola, che per innumerevoli ragioni era e rimane realtà nazionale compiuta (ancorché priva di una sua statualità internazionalmente riconosciuta), ai loro occhi doveva essere destinata ad un “cupio dissolvi”, cioè ad una cinica eutanasia auto o eteroindotta.

Il tutto è stato poi aggravato pesantemente dal pieno realizzarsi dell’altra tesi gramsciana in virtù della quale il marxismo avrebbe dovuto esercitare un ruolo egemonico e quindi semi-monopolistico nel mondo accademico e intellettuale italiano in generale. Questo avvenne purtroppo per svariati decenni fino ai tempi attuali, in virtù della mancanza di un autentico pluralismo culturale (con tutte le nefaste conseguenze che ne sono derivate per la nostra isola).

Sono nati e si sono infatti diffusi così a tutti i livelli, i radicatissimi pregiudizi in base ai quali la Sardegna sarebbe priva di una storia propria, la sua lingua deve necessariamente essere trattata genericamente come dialetto e come tale esclusa dalla sfera pubblica, la sua cultura descritta in termini di innocuo e irrilevante folklore, la longitudine ignorata al contrario della latitudine, la sua realtà e il suo destino di isola del Mediterraneo occidentale sorella di Corsica e Baleari ignorata, i numerosi indici socio-economici non collimanti con quelli delle regioni dell’ex Regno delle due Sicilie descritti in termini di anomalia, così come atipiche devono essere rappresentate le scelte politiche del suo elettorato in favore di movimenti identitari, nazionalisti e sovranisti. E potrei continuare ancora a lungo.

Il fatto che questa ideologia sia stata largamente dominante anche nelle due università sarde e che lo sia stata, ancorché con altre formule e denominazioni, anche dopo il crollo dei regimi comunisti dell’Est europeo, non ha decisamente giocato a nostro favore.

Anzi, è stata autenticamente tragica, tenendo conto del fatto che le élites intellettuali sono al vertice del sistema dei flussi di comunicazione politica e della trasmissione dei valori culturali. Questi infatti, sulla base del modello a cascata teorizzato da Deutsh, si riversano dall’alto verso il basso coinvolgendo prima le élites politiche per poi concludersi, dopo una serie di altri passaggi e feedback, con l’opinione pubblica nel suo complesso (che di tali flussi è più o meno consapevolmente destinataria).

Ecco il motivo per il quale il paradigma “meridionalista” secondo il quale la Sardegna sarebbe una sorte di lontanissima appendice dell’Italia meridionale e quindi, ça va sans dire, una versione spopolata e minore della Sicilia (ovviamente senza la storia e la cultura di quest’ultima), è tanto radicato anche nella nostra isola da apparire una verità acquisita che sarebbe folle o per lo meno inopportuno o bizzarro contestare.

Ed ecco perché è fondamentale lavorare tutti insieme avendo la forza e il coraggio di metterlo in discussione non solo in quanto del tutto opinabile, fallace e non rispettoso per una realtà estremamente complessa qual è la nostra, ma soprattutto perché dannosissimo per l’immagine che noi sardi abbiamo di noi stessi e del futuro che tutti insieme siamo chiamati a costruire.

 

Standard

Proite nos servet un’istatutu nou in totu (bersione in limba sarda)

bandiera-quattro-mori-sardegna-1Proade a immaginare a una vetura Fiat Topolino prodùida in s’agabbu de is annos 40 e revisionada petzi duas o tres bias in is ùltimas deghinas de annos, chi biàgiat in sa prima corsia de un’autostrada, mentres chi dda propassant deghinas de automòbiles de ùltima generatzione.

Non ddu at duda chi siat meda prus simple a ddu creere che gag de Fantozzi o de Mr Bean chi comente acadessimentu berdaderu.
Ma calicuna cosa de meda simigiante nos pertocat totus ca, a dolu mannu, trasladende a(non serbit) custa metàfora in s’àrea de is istitutziones, nos diamus agatare luego de(non serbit)s’anacronìsmu chi caraterizat s’istitutu de s’autonomia in Sardigna.

Est bastante leghere a (non serbit) su testu de s’istatutu ispetziale pro nos avisare chi in generale custu, no antimas is agiornamentos prodùidos in is annos, si riferat a unu cuntestu istòricu agabbadu dae (di)non serbit ora e de comente pro custu siat in totu inadeguadu cunforma a(sa A andat inoghe) ambas a is esigèntzias de sa Sardigna de su tempus de oe e de is isfidas de custu de bintunu sèculos.

Cunsiderende chi intàmis est a largu difùndida intre is òmines de cultura, de cussos de is istitutziones e de is tzitadinos normales de s’ìsula sa valutatzione pre-politica e pre-giuridica chi s’ispetzialidade no est unu anacronismu localìsticu, ma est a s’imbesse sa conditio sine qua non pro chi sa Sardigna abarret intre s’istadu italianu, est lòmpidu su tempus chi resonamus de manera sèria subra de su destinu de s’autonomia nostra chi deo bido malu, setu chi totus nois non nos ischidamus.

Custa sensibilidade difùndida est difatis cuntrastada de manera semper prus forte dae is decraratziones de giornalistas, òmines de cultura e polìticos de sa penìsula (comente a su giornalista mortu dae pagu Mario Cervi, su sotziologo Giorgio Alberoni, s’ex ministra de is reformas Boschi e su presidente de s’assòtziu Federconsumatori Trefiletti) chi no agabbant de sutalineare chi is Regiones cun istatutos ispetziales siant in generale un’istitutu disavesadu, a prus chi pesosu pro is finantzias de s’Istadu.

Est evidente chi cada Regione est diferente dae s’àtera e non b’at duda chi pro esempru sa classe dirigidora sicula est istada de manera evidente unu disastru pro su chi pertocat su malu guvernu e su disperdìtziu de risorsas pùblicas: pro custu su giornalista e iscritore Pietrangelo Buttafuoco at chèrridu titulare unu de is ùltimos libros suos “buttanissima Sicilia. Dae s’autonomìa a Crocetta, est totu unu disastru” e in cust’òpera at propònnidu s’inditu de unu cummissàriu e a pustis s’abolitzione de s’Istatutu de autonomia.

Totus custos sunt de manera evidente problemas issoro. Non ddu at duda chi sa Sardigna est un’àtera cosa. Est un’àtera cosa ca s’autonomia de sa Trinacria aiat àpidu sa giustificatzione cosa sua non tantu in sa cultura o in s’insularidade, ma mescamente in is eventos istericos chi fiant sighidos a su pustis gherra, cun sa netzessidade istratègica de cuntrastare su movimentu separatista de Finocchiaro Aprile e de s’EVIS chi in cussos annos aiant balangiadu popularidade manna. Un’ischera chi si fiat rivelada binchende, cunsiderende chi custos fiant isparèssidos dae s’iscena in pagos annos.

Pro su chi pertocat a nois, non tenende in contu episòdios pagos a beru èssidos a campu in su passadu, sa classe dirigente nostra est semper istada prus responsàbile meda in s’atividade amministradora. In prus sa geografia, sa limba e s’istòria faghent de sa Sardigna una natzione fata, mancari chene un’istatualidade cosa sua reconnota a livellu internatzionale. A su contràriu de sa Sitzilia chi costituit pro custos aspetos (ma non custos petzi) su continuum naturale de sa penìsula italiana e calabresa in manera particulare.

Galu pro su chi pertocat s’orìgine de is istitutziones autonomìsticas italianas, unu resonu diferente cunforma a sa Sitzìlia tocat a ddu fàghere cando faeddamus de su Trentinu-Artu Adige/Südtirol e de sa Badde de Aosta. Sa prima fiat istada una regione de s’impèriu austro-ungheresu finas a sa sessada sua chi is potèntzias binchidoras de sa I gherra mundiale aiant istabilidu in su 1919 cun su tratadu de Saint Germain, a su cale fiat sighida s’annetidura cosa sua a s’Itàlia in su 1920.

Abitada dae tres grupos ètnicos diferentes, aiat in s’àrea boltzanesa una majoria manna germanòfona e una pitica e aunida comunidade ladina o reto-romantzia in cussa dolomitica.

Comente giai ischimus, su Sud-tirolu fiat istadu sutapostu a una polìtica meda grae de agualatzione e italianisatzione chi aiat àpidu su concretaresi cosa sua in su refudu de cale si siat ipòtesi de amparu de is duas limbas, in sa catzadura a òbligu de is faeddadores issoro (e a s’imbesse s’immigratzione italofona a inghìriu de Boltzanu), s’italianisatzione de is topònimos e, pro su chi pertocat is ladinos, in sa detzisione de ddos partzire in tres provìntzias.

Che cumpensatzione pro is discriminatziones sufridas dae cussas populatziones, luego a pustis de sa gherra su premier italianu De Gasperi aiat firmadu un’acòrdiu istòricu cun su ministru austrìacu de s’ésteru Gruber in su cale si normalizaiant is relatas intra de is duas Istados, faghende agabbare su cuntentziosu cunforma a su territòriu sud-tirolesu.

Custu prevediat sa nàschida de is duas Provìntzias autònomas de Trentu e Boltzanu e in prus s’ativatzione de su regime de bilinguismu perfetu intra de italianu e tedescu in totu su Sudtirolu (e in prus sa tutela de is ladinos, su cale territòriu diveniat trilìngue).

Pro su chi pertocat sa Badde de Aosta su discursu est in parte sìmile. Non tenende in contu s’àrea de Gressoney (in ue b’istant populatziones germanòfonas chi si narant walser) sa limba propria de sa chi is autonomistas narant “petite patrie” est su franco-proventziale o arpitanu: un’idioma cun caràteres intermèdios intra de frantzesu e otzitanu e difùndidu in totu s’àrea chi est posta a peales de su monte biancu, partzida politicamente intrade Itàlia, Frantza e Isvìtzera.

Pro more de sa frammentatzione dialetale e polìtica cosa sua, de su prestìgiu sotziale non mannu e de s’influèntzia francòfona is intelletuales, is istitutziones eclesiàsticas e is movimentos identitàrios de sa regione ant semper preferidu su frantzesu che limba de cultura e in prus de is istitutziones tziviles e religiosas in logu de su patois.

In ie etotu, comente fiat acadèssidu in s’Artu Agide, su regime fascista aiat adotadu pro totu su bintènniu in ue aiat àpidu su poderiu, una polìtica de irraighinamentu de s’influèntzia de a dae de is Alpes e in ue s’italianu fiat istadu impònnidu in totue.

Che rifata partziale e de manera de tutelare custa penìsula linguìstica francòfona, in su 1948 aiant istituidu sa Regione Autònoma de sa Badde de Aosta, su cale istatutu ispetziale aiat prevididu che finalidade printzipale cosa sua sa de afiantzare su bilinguismu perfetu intra de italianu e frantzesu in totu sa vida pùblica, cumentzende dae sa toponomàstica e dae is programmas iscolàsticos.

Is dimensiones piticas e s’uniformidade geogràfica cosa sua, chi nde faghent de a veras un’ìsula inghiriada dae is montes (e custu est unu de is medas assimìgios cun sa Sardigna), ant favorèssidu in prus su permànere de un’identidade meda meda forte non istorico-curturale isceti, ma finas polìtica: custa, dae su pustis gherra s’est manifestada cun dd’uno cunsensu largamente magioritariu chi is baddìnculos ant semper donadu a is formatziones autonomìsticas, movende dae s’istòrica Union valdôtaine.

In s’Artu Adige, is interessos de sa comunidade tedesca (e in parte de cussa ladina) sunt imbetzes rapresentados dae semper dae sa Südtiroler Volkspartei.

Dae su 1948 a su 1992, est a nàrrere durante s’aici nada prima Repùblica, custu datu polìticu fundamentale at permìtidu a is duas penìsulas linguìsticas, pro mèdiu de un’acostiamentu de manera costante utilitaristicu a is istitutziones de is rapresentantes issoro, de mantènnere visibilidade meda forte e poderiu cuntratuale (cun totus is benefìtzios istraordinàrios chi nde derivaiant unu votu de cunfiàntzia a pustis de s’àteru).

Is sardistas imbetzes, a pustis pèrdidu su cunsensu chi aiat intra de is duas gherras, ma massimamente pro more de sa manera cosa issoro de relatare-si a is istitutziones romanas de manera pibiosa e chi tendiat a su fatalismu (e duncas chene cuncretas assuntziones de responsabilidade ativa e propositiva) non sunt istados àbiles in s’otènnere is matessi vantàgios pro s’ìsula. De totu custas cosas sighimus a dolu mannu a nde patire is cunsighèntzias.

Ma si sa Badde de Aosta, su Sudtiròlu e sa Benetzia Giùlia sunt penìsulas linguìsticas e pro custu tenent visibilidade e atentzione dae is Istados de addae de is làcanas — e custa cosa ddis garantit un’amparu prus o mancu forte — su sardu e su ladinu-friulanu, mancari sunt de manera crara separados dae s’italianu e dae is dialetos suos, non sunt capatzes de benefitziare de is avantàgios chi derivant dae sa netzessidade de mantènnere relatas diplomàticas positivas.

Est pro custu chi is minoridades linguìsticas istòricas sunt istadas reconnotas a pustis tempus meda e feti in su 1999, cun sa lege de s’Istadu 482. Custa est una norma chi tando dda cunsideraiant istòrica, ca donaiat aplicatzione a unu de is printzìpios fundamentales de sa Costitutzione, ma chi oe mustrat totus is lìmites suos: difatis sa tutela chi previdet est petzi voluntariosa.

Pro custu no at reduidu su protzessu de diglossia (est a nàrrere de sutamissione giurìdica e sotziale) e chi evolvet semper prus a s’ispissu in sa dilalia (chi cheret nàrrere impreo de s’italianu finas in is relatas informales).

Ma pro bonaura medas cosas sunt cambiadas in is ùrtimos annos: su sutzessu planetàriu de Internet at donadu visibilidade e annoamentu a su sardu iscritu, faghende crèschere su prestìgiu suo e favoressende su chistionu intra de positziones chi in su passadu pariant in totu incumpatìbiles pro su chi pertocat s’istandardizatzione sua; unu pùblicu semper prus ampru at pòdidu lèghere is informatziones iscientìficas subra de su benefìtziu de su multilinguismu e cussas chi bogant ispàtziu una bia pro totas a totus is logos comunes betzos deghinas de annos subra de s’impreo de is limbas locales; is generatziones de oe, chi sunt medas prus istruidas de is de is babbos issoro, sunt immoe scientes chi si podet èssere tzitadinos de su mundu e in su matessi tempus mantennere un’identidade natzionale meda forte.

Una referèntzia obligada dda mèritat finas su passadu nostru: nois totus semus istados testimòngios de su printzìpiu pro su cale s’istòria dda faghent is binchidores. Is testos iscolàsticos in sos cales amus istudiadu ant presentadu finas a oe sa tzivilidade de s’ìsula de manera partziale, isminorigande s’importàntzia sua e meda a s’ispissu cun manigòngios o manipulatziones.

Oe, pro mèritu de s’entusiasmu e de s’interessu a bia a s’àrea de Mont’e Prama — ma finas is teorias iscientìficas reghentes subra de s’identificatzione de is nuràgicos cun is Shardana pòpulos de su mare o cussas chi identìficat Atlantide cun sa Sardigna – ant fatu crèschere intra de polìticos e de is tzitadinos comunos sa consièntzia chi sa tzivilidade de s’ìsula, subra de totu in is perìodos prenuraghesu, nuraghesu, de is giuigados e rivolutzionàriu, depant intrare a iscola e in s’universidade dae sa ghenna printzipale.

Pro totus custos motivos — ma prus in generale pro more de s’interessu meda meda limitadu e de s’incapatzidade de is amministratziones istatales de promòvere e abbalorare de manera prena sa tzivilidade nostra — est evidente sa netzessidade chi sa RAS otengat sa cumpetèntzia primaria in matèria de cultura a 360 grados.

Unu arresonu meda simigiare tocat fatu cando faeddamus de òrdine pùblicu: custa est una matèria pigada pro nudda in contu dae sa classe polìtica de s’ìsula — non s’ischit si prus pro mandronia o pro unu sentidu de disadatamentu — a su puntu chi sa norma istatutària chi previdet sa dèlega a sa Regione de sa tarea de s’òrdine pùblicu no est istada mai rechèdida de manera formale.

Epuru ambas duas sa geografia e s’istatìstica diant àere tentu inditare a is chi aiant leadu parte a sa costituente de delegare is tareas de politzia a su Presidente de sa RAS, comente fiat giai prevididu in s’Istatutu de sa Sitzìlia.

Ma si castiamus a su restu de s’Europa, nos podimus agatare chi in totus is Istados federales, cumentzende dae is Lands de Germània, e in prus in is realidades autonomìsticas prus avantzadas de Ispannia e Rennu aunidu, is istitutziones territoriales esèrtzitant su guvernu issoro in is matèrias de òrdine pùblicu e de giustìtzia etotu, chene dificultades e de manera ordinària. Pro ite petzi nois non diamus èssere cunsiderados adatos?

S’anacronismu de s’Istatutu de su 48 est in prus meda meda evidente in carchi parte chi in deghinas de annos colados non sunt istrada revisionadas: a Casteddu dda cramant galu cabu-de-logu e non capitale; non ddu at perunu riferimentu a sa bandera; sa limba sarda e su catalanu de s’Alighera non sunt mancu mentovados; a s’esecutivu ddu narant giunta, a sa manera de una cale si siat amministratzione provintziale; finas a oe no at retzidu atuatzione sa norma chi previdet sa zona franca, ma in su mentras totu est cambiadu in s’economia e in sa geopolìtica globale; sighit a esìstere che una befe, s’artìculu 13, che a nos regordare is fallimentos de is pranos de renaschida de is primos annos 60

Custu elencu diat pòdere èssere finas prus longu, ma est evidente chi sa Sardigna non si podet prus permìtere de mantennere, in su de tres millènnios, che fundamentu giurìdicu de s’autonomia sua, un’Istatutu chi finas is costituentes naraiant dèbile e no adeguadu a is netzessidades de sa Sardigna. E fiant 70 annos a oe. Est lòmpida s’ora de una rivolutzione democràtica, ca su chi nos servet est un’Istatutu 2.0.

Standard

Perchè ci serve uno Statuto tutto nuovo (versione in lingua italiana)

bandiera-quattro-mori-sardegna-1Provate a immaginare una Fiat Topolino della fine degli anni 40, revisionata appena due o tre volte negli ultimi decenni, mentre viaggia sulla prima corsia di un’autostrada con decine di vetture di ultima generazione che la sorpassano tra l’irritazione degli altri conducenti e la curiosità dei loro passeggeri.

Difficile credere possa verificarsi nella realtà, essendo di gran lunga più verosimile come scenetta con protagonista Fantozzi o Mr Bean.
Ma qualcosa di molto simile ci riguarda tutti dato che purtroppo, traslando questa metafora nel campo delle istituzioni, appare palese il formidabile anacronismo che contraddistingue l’istituto autonomistico sardo.

E’ sufficiente dare uno sguardo al testo dello statuto speciale perché ci possiamo rendere conto di quanto questo, nonostante gli aggiornamenti apportati negli anni, faccia riferimento nel suo complesso a un contesto storico ormai archiviato e come di conseguenza sia totalmente inadeguato rispetto alle esigenze della Sardegna di oggi così come nei confronti delle sfide future di in un ventunesimo secolo entrato ormai a pieno regime.

Essendo tuttavia largamente diffusa tra uomini di cultura e delle istituzioni così come presso il cittadino comune dell’isola la valutazione prepolitica e pregiuridica secondo cui la specialità, lungi dall’essere anacronistica e interessata rivendicazione localistica, costituisce al contrario conditio sine qua non per lo stesso permanere della Sardegna all’interno dello Stato italiano, è tempo che ragioniamo seriamente sulle sorti della nostra autonomia che vedo piuttosto fosche, a meno che non ci diamo una regolata.

Questa sensibilità diffusa trova infatti un controcanto sempre più forte nelle esternazioni di giornalisti, uomini di cultura e politici della penisola (tra cui il compianto Mario Cervi, il sociologo Giorgio Alberoni, l’ex ministro delle riforme Maria Elena Boschi e il presidente di Federconsumatori Trefiletti) che non mancano di rimarcare come quello delle Regioni a statuto speciale sia in generale un istituto desueto oltreché onerosissimo per le casse dello Stato.

E’ evidente che ogni Regione fa storia a sé e non c’è dubbio che se consideriamo ad esempio quella con maggiori affinità geografiche rispetto a noi, la classe dirigente sicula sia stata manifestamente disastrosa in termini di malgoverno e spreco di risorse pubbliche, al punto che la salace penna di Pietrangelo Buttafuoco, in una sua recente pubblicazione cui ha voluto dare l’eloquentissimo titolo di “Buttanissima Sicilia. Dall’autonomia a Crocetta, tutta una rovina”, ha proposto il commissariamento e la successiva soppressione di quello Statuto di autonomia.

Questi sono evidentemente problemi loro. La Sardegna è un’altra cosa. non c’è dubbio. Lo è nel senso che l’autonomia della Trinacria, più che da cultura e insularità, aveva avuto una sua giustificazione nelle vicende che ne avevano caratterizzato il dopoguerra, con la necessità strategica da parte dello Stato di tagliare l’erba sotto i piedi all’allora fiorentissimo movimento separatista di Finocchiaro Aprile e dell’EVIS.

Fu una scelta vincente, dato che questi si sciolsero come neve al sole in meno di un lustro (cinque anni). Lo è perché, se si escludono rarissimi casi assurti a loro tempo agli onori delle cronache, la nostra classe dirigente è sempre stata decisamente più responsabile nel’amministrazione della cosa pubblica.

Lo è soprattutto perché geografia, lingua e storia rendono la Sardegna una nazione compiuta, ancorchè priva di una sua statualità internazionalmente riconosciuta, mentre sotto tutti questi aspetti (e non solo questi) la Sicilia costituisce nel bene e nel male il naturale continuum della Penisola italiana e calabra in particolare.

Sempre in merito alla genesi degli istituti autonomistici in Italia un discorso diverso rispetto alla Sicilia và fatto per quanto riguarda le due realtà alpine di Trentino-Alto Adige/Südtirol e Valle d’Aosta. La prima fu regione dell’impero austroungarico fino al suo scioglimento, imposto dalle potenze vincitrici la I guerra mondiale con il trattato di Saint-Germain del 1919, a cui fece seguito l’annessione all’Italia l’anno successivo.

Abitata da popolazioni appartenenti a tre diversi gruppi etnici, vedeva nell’area bolzanina un’ampia maggioranza germanofona mentre una piccola e compatta comunità ladina o reto-romanza era insediata ai piedi delle Dolomiti.

Com’è noto la regione altoatesina fu oggetto, durante tutto il ventennio fascista, di una aggressiva politica di assimilazione e italianizzazione che si concretizzò nel rigetto di ogni istanza di tutela delle due lingue, nelle espulsioni forzate di loro parlanti (a cui fece da contraltare una forte immigrazione di italofoni attorno a Bolzano), nell’italianizzazione dei toponimi o, per quanto riguarda i ladini, nella fine dell’unità amministrativa attraverso la separazione in tre province.

A compensazione dei molti torti subiti da queste popolazioni durante il regime appena abbattuto, nell’immediato dopoguerra il premier italiano De Gasperi siglò con il ministro degli esteri austriaco Gruber uno storico accordo con cui venivano normalizzati i rapporti tra i due Stati che decidevano così di risolvere formalmente il contenzioso rispetto al territorio sudtirolese.

Esso prevedeva l’istituzione delle due Province autonome di Trento e Bolzano ed inoltre l’attivazione del regime di bilinguismo perfetto tra italiano e tedesco in tutto l’Alto Adige (ma anche la tutela dei ladini il cui territorio diventava così trilingue).

Solo parzialmente dissimile è il discorso concernente la Valle d’Aosta. Escludendo infatti la zona di Gressoney, dove sono stanziate popolazioni germanofone (i walser), la lingua propria di quella che gli autonomisti chiamano “petite patrie” è il franco-provenzale o arpitano: un idioma diffuso in tutta l’area prospiciente il monte bianco a cavallo tra Italia, Svizzera e Francia e che presenta tratti intermedi tra francese ed occitano.

La sua frammentazione dialettale e politica, il suo relativo prestigio sociale e l’influenza francofona hanno tuttavia indotto nel corso dei secoli gli intellettuali, le istituzioni ecclesiastiche ed i movimenti identitari della regione a preferire il francese al patois quale lingua di cultura, oltreché delle istituzioni civili e religiose.

Anche qui, come in Alto Adige, il regime fascista adottò durante tutto il ventennio in cui fu al potere una politica di sradicamento dell’influenza d’oltralpe e in cui l’italiano fu imposto a tutti i livelli.

Come parziale risarcimento e a tutela nei confronti di questa penisola linguistica francofona (anche per motivi di buon vicinato con Parigi) fu istituita nel 1948 la Regione Autonoma della Valle d’Aosta, il cui statuto speciale ebbe e continua ad avere come finalità principale quella di garantire il bilinguismo perfetto tra italiano e francese a tutti i livelli, a partire dalla toponomastica e dai programmi scolastici.

Le ridotte dimensioni e l’uniformità geografica, che sono tali da farne una vera e propria isola circondata dalle montagne (e questa è una delle tante affinità con la Sardegna), hanno inoltre decisamente favorito il permanere di una fortissima identità non solo storico-culturale ma anche politica: questa, nel corso dei decenni si è manifestata in un consenso largamente maggioritario che i valligiani hanno sempre riservato alle formazioni autonomiste, a partire dalla storica Union Valdôtaine.

In Alto-Adige a rappresentare le istanze della comunità tedesca (e in parte di quella ladina) a Roma è invece da sempre la Südtiroler Volkspartei.
Dal 1948 al 1992, durante cioè tutta la cosiddetta prima Repubblica (periodo in cui com’è noto i governi si reggevano su maggioranze tendenzialmente piuttosto risicate) questo fondamentale dato politico ha consentito alle due penisole linguistiche, attraverso un approccio costantemente utilitaristico dei loro rappresentanti nelle istituzioni, di mantenerne fortissimi visibilità e potere contrattuale, con tutti gli straordinari benefici che via via ne derivavano, un voto di fiducia dopo l’altro.

I sardisti invece, privi in epoca repubblicana di quel consenso nazionale di massa che era stato attribuito loro fra le due guerre, ma soprattutto a causa del proprio relazionarsi con le istituzioni romane in modo tendenzialmente fatalista e, mi si consenta, piagnone (e quindi senza una concreta assunzione di responsabilità attiva e propositiva) non sono stati invece in grado di ottenere altrettanti vantaggi a favore dell’isola.

Di tutto ciò continuiamo purtroppo a pagare le conseguenze.

L’ultima nata tra le autonomie speciali è quella del Friuli-Venezia Giulia. Terra mitteleuropea per antonomasia, è un caso unico in tutto il vecchio continente di coesistenza su uno stesso territorio delle tre principali famiglie linguistiche indoeuropee (quelle neolatina, germanica e slava).

La stessa denominazione ne evidenzia l’articolazione in due aree storico-linguistiche distinte: da una parte il Friuli, in cui si parla il ladino friulano (lingua retoromanza strettamente imparentata al romancio dei Grigioni e al ladino delle dolomiti); dall’altra ciò che rimase all’Italia della spartizione con la Jugoslavia delle zone alpino-dinariche dell’ex impero austro-ungarico, secolarmente contraddistinte da una convivenza non sempre pacifica tra popolazioni di etnia italiana e slava.

Ma l’istituzione della Regione autonoma ha fatto emergere anche un’insofferenza, che spesso sfocia in un’autentica ostilità: quella del cosiddetto Friuli storico – che comprende anche Gorizia – nei confronti del capoluogo Trieste, additato quale accentratore e indifferente verso la maggioritaria popolazione friulana (e da qui discende la recente proposta di modifica dello Statuto che mira ad avere una nuova articolazione della Regione in due distinte province autonome sul modello del Trentino-Alto Adige).

Se quindi Valle d’Aosta, Sudtirolo e Venezia Giulia sono penisole linguistiche e godono in quanto tali di visibilità e attenzione più o meno partecipata da parte dei nostri dirimpettai d’oltreconfine – e questo ne assicura una protezione più o meno ampia – il sardo e il ladino-friulano ancorché nettamente distinti dall’italiano e dai suoi dialetti, non sono in grado di godere dei benefici che derivano dalla necessità per l’Italia di mantenere buone relazioni diplomatiche con altri Stati.

E’ questo il motivo principale del ritardo con cui è avvenuto il riconoscimento delle nostre minoranze linguistiche storiche (a cui vanno aggiunti i catalani di Alghero e altri gruppi sparsi lungo la penisola e fino ad allora del tutto privi di tutela), avvenuta con legge dello Stato 482 nell’ormai lontano 1999. Si tratta di una legge a suo tempo considerata storica perché applicativa di uno dei principi fondamentali della Costituzione, ma che a distanza di quasi vent’anni mostra ampiamente i suoi limiti: non prevedendo infatti una tutela sistematica come avviene – sulla base degli Statuti di autonomia ed altre leggi ad hoc – per valdostani, altoatesini e sloveni, l’attivazione delle sue norme è demandata ad iniziative estemporanee di consigli d’istituto, amministrazioni pubbliche o singoli cittadini.

Si tratta sostanzialmente di un volontarismo a macchia di leopardo che solo in parte è riuscito a modificarne la complessiva condizione di diglossia (che significa in parole povere subalternità giuridica e sociale) e che sfocia sempre più spesso nella dilalìa (e cioè nell’impiego dell’italiano, ancorché nella sua variante regionale, anche nei contesti informali).

Ma molte cose sono cambiate negli ultimi anni: l’esplosione di internet ha dato nuovo vigore e visibilità al sardo scritto, accrescendone il prestigio e favorendo il dialogo tra posizioni che parevano inconciliabili in merito alla sua standardizzazione; un pubblico sempre più vasto ha preso coscienza di informazioni scientificamente comprovate sui benefici del multilinguismo così come di quelle che sfatano una volta per tutte luoghi comuni ultradecennali sull’uso delle lingue locali; le nuove generazioni, molto più mature di quelle dei loro genitori, sono ormai consapevoli del fatto che essere cittadini del mondo non si pone affatto in contrapposizione con l’identità locale, ma anzi quest’ultima è un valore aggiunto che accresce il loro capitale umano e il capitale sociale di tutti noi.

Un cenno obbligato merita anche il nostro passato: tutti noi abbiamo patito sulla nostra pelle la regola in base alla quale la storia la fanno i vincitori. I testi scolastici hanno presentato la civiltà dell’isola in modo frammentario, sminuendone la portata e accompagnandola troppo spesso a svarioni o vere e proprie manipolazioni.

Oggi, alimentata dall’entusiasmo e dall’interesse di cittadini, vecchi e nuovi media, che circonda il sito di Mont’e prama – ma anche le nuove teorie scientifiche circa l’identificazione dei nuragici con gli Shardana popoli del mare o quelle non meno affascinanti, ancorchè forse meno rigorose, sull’identificazione della Sardegna con Atlantide – ha fatto maturare presso politici, intellettuali e comuni cittadini la consapevolezza che la civiltà dell’isola ed in particolare i suoi periodi preromano, giudicale e rivoluzionario, debbano finalmente entrare nelle aule scolastiche e universitarie non più dalla porta di servizio ma semmai da quella principale.

Per questi motivi – ma più in generale a causa dello scarsissimo interesse, oltre che in virtù della reiterata e talvolta imbarazzante incapacità da parte delle amministrazioni dello Stato di promuovere e valorizzare appieno la nostra civiltà – appare ormai evidente la necessità che la nostra Regione autonoma si appropri della competenza primaria in materia di cultura, a trecentosessanta gradi.

Un discorso del tutto analogo va fatto in merito all’ordine pubblico: materia sempre incredibilmente snobbata dalla classe politica locale – chissà se più per ignavia o per senso di inadeguatezza – al punto che la previsione statutaria della possibile delega da parte del governo alla RAS di tali materie, pur nell’ambito delle direttive di Roma, non è mai stata formalmente richiesta.

Eppure la geografia, che vede l’isola separata da centinaia di chilometri di mare dall’Italia continentale, sommata all’evidente alterità statistica in materia di criminalità – alterità che in questi decenni non è mai venuta meno – avrebbero dovuto suggerire ai padri statutari, soprattutto per ragioni di efficacia ed efficienza nell’azione di contrasto alla devianza, l’attribuzione delle funzioni di polizia al presidente della Regione, al pari di quanto previsto espressamente dal di poco precedente Statuto siciliano e in modo non dissimile dalla Valle d’Aosta, al cui presidente è attribuita la delega delle funzioni prefettizie.

Se poi allarghiamo il nostro sguardo al resto d’Europa possiamo subito renderci conto che in tutti gli Stati federali, a partire dalla Germania, oltreché nelle realtà autonomistiche avanzate di Spagna e Regno Unito, gli enti territoriali esercitano tranquillamente le loro competenze sia in tema di ordine pubblico che di giustizia, e nessuno per questo si straccia le vesti. Perché noi dovremmo essere da meno?

L’anacronismo dello Statuto del 48 è poi evidentissimo in alcune sue parti che nei decenni scorsi non hanno subito revisione: Cagliari è ancora definita capoluogo della Regione e non capitale; non esiste nessun riferimento alla bandiera; la lingua sarda e il catalano di Alghero non sono nemmeno menzionati; l’esecutivo è denominato giunta al pari di un’amministrazione provinciale; finora non ha mai avuto attuazione la norma sull’istituzione di punti franchi, ma dal dopoguerra a oggi la realtà geoeconomica non solo europea e mediterranea è cambiata totalmente; continua beffardamente ad essere in vigore, quasi a volerci ricordare i fallimenti del passato, il famigerato articolo 13, che costituì la base giuridica per i piani di rinascita dei primi anni 60.

L’elenco potrebbe continuare, ma è evidente che la Sardegna non può più permettersi, di fronte agli straordinari mutamenti tecnologici, economici e politici globali, di continuare ad avere come base giuridica della propria autonomia uno Statuto considerato inadatto, a ragione della sua debolezza, perfino da parte degli stessi costituenti sardi che contribuirono ad approvarlo, 70 ere geologiche fa. E’ ora di voltare pagina. Ci serve uno Statuto 2.0.

Standard

Bene bènnida o isposa mea, bene bènnida [Nazim Hikmet]

Bene bènnida o isposa mea, bene bènnida!

 

Tzertu as a èssere cansada

comente dia pòdere issacuare a sos pees tuos

non tèngio abba de rosas nen issacuadera de prata

 

tzertu as a tènnere sidi

non tèngio cosa de bufare frisca a ti cumbidare

 

tzertu as a tènnere fàmene

e deo non potzo ammanniare

una mesa cun linu ìnnidu

 

s’aposentu meu poboru est, e presoneri

che a custu Paisu.

 

Bene bènnida o isposa mea, bene bènnida!

 

As ammanniadu su pee tuo in sa tzella mea

e su tzimentu s’est mudadu in fenàrgiu

t’est bèssidu unu risu

e rosas ant froridu s’inferriada

 

ti ses posta a prànghere

e perlas sunt rumbuladas in is prantas de is manos meas

 

rica che a su coro

istimada che a sa libertade

est immoe custa presone.

Bene bènnida o isposa mea, bene bènnida!

Standard

Su MLS: dae is faddinas de eris a su tempus benidore

Intra de is fundamentos de sa chistione sarda, custa cosa dda ischimus totus, ddu at cussu linguisticu, naschidu in su matessi momentu in su cale su sardu at perdidu sa dignidade de limba de s’oficialdade e a su cale est sighidu su processu semper prus profundu de diglossia in su cale nos acatamus in su tempus de oe.Su chi nos devimus pedire est si su MLS (acronimu de “movimentu linguisticu sardu”), in is diversas espressiones suas tenet calincuna responsabilidade politica, culturale, strategica e/o de comunicazione chi at contribuidu a custu protzessu o si a s’imbesse non tenet falta peruna e totu andat bene aici coment’est imoe.
Su parrere meu (ma paris cun megus medas ateras personas tenent su matessi sèntidu) est chi diversos problemas, a dolu mannu, nd’ant impèdidu s’ispainamentu eris in sa sotziedade sarda de su ‘e binti seculu e chi pro medas bias sighint in sa matessi carrera oe, lompidos chi semus a is primos annos de su ‘e tres millenniu, inue totu cambiat cun dd’una lestresa chi nos lassat chen’e alenu.Totu cambiat, eja, ma in Sardigna su connotu abarrat, subra’e totu cando si faeddat de cultura e custa cosa non est semper bona ma antzis a s’imbesse e pro medas motivos est sceti una saùrra chi is generatziones noas, creschidas cun is tecnologias digitales e in sa sotziedade globalisada devent àere s’alientu de apaltàre.
Non b’at duda chi sa’e unu de custas faltas siat sa pretensa de sa politica de imponnere su monopoliu suo subra de sa chistione de sa limba. Non so faeddende de sa politica in generale, ca sa politica est un’arte nobile e finas sagrada chi dae is tempos de s’Atene periclea est s’unica manera chi connoschimus pro regulare sa cunbiventzia civile: seo faeddende de areas ispetzificas, gosi meda super-minoritarias e anacronisticas chi paret finas spantu a ndi faeddare che a unu problema de s’atualidade.
Ma unu problema sunt e ddu sunt oe, finas de importu e de importu mannu, si tenimus in contu chi areas aici profundamente acapiadas a s’Otughentos (cussas anarchica, cussa vetero-sotzialista e cussa marxista), mancari bulladas in manera definitiva, chen’e possibilidade de apellu, giai deghinas de annos a oe dae s’istoria, dae su sentidu populare e infinis dae su giuditziu de is eletores, sighint a tribagliare comente chi nudda fessit tessende alleantzias, afortiande relatas e cu sa presentzia ativa issoro cando si discutet in is atobios publicos de temas pertocantes sa defensa de su sardu (e de su catalanu aligheresu etotu).
Nadu custu claru siat: nemos cheret impidere a custas tres o bator personas de agire in sa menera chi preferrint, considerende chi gratzias a Deus bivimus totus in dd’unu sistema democraticu inue sa libertade de pensamentu est garantida innantis de totu a is minoridades politicas (est a narrere primariamente a issos).Su problema berdaderu tando non est cussu ma est un’ateru: est a narrere chi s’interessu pro sa chistione de sa limba espressada dae su MLS in totu is animas suas paret chi tengiat pagu o nudda appeal (pro dda narrere a sa manera inglesa) in is confrontos de is movimentos politicos, de is medias e de su mundu culturale prus de importu (mainstream, pro umpreare un’ateru faeddu in sa limba’e Shakespeare) in s’sula nostra.
Ma si Maometu non andat a cara’e su monte est su’e duas chi andat a cara’e Maometu (custu diciu non m’agradat meda, ca gratzias a Deus so cristianu, ma imoe non resesso a nd’acatare megius). Chergio narrere chi su MLS matessi devet chircare de si liberare dae sa bruvura, dae sa tirinnia e dae sa preitza pro si cunfrontare cun issos (mancari in is primos momentos paret chi tengiat pagu interessu), a manera chi siant istrisinados in is s’arregionos subra de s’importantzia de su multilinguismu e de is profetos istraordinarios (chi is isentziados nos comunicant una die eja e s’atera eja etotu) chi s’umpreu de duas o prus limbas produit.
S’ispainamentu de sa limba propria de sa Sardigna a totu is livellos de sa sotziedade, cumentzende dae cuddu publicu, est mannariamente istrategicu in is relatas cun is istitutziones civiles de s’Istadu e de s’Unione, ca nos donat una visibilidade, una dignidade e unu podere relatzionale chi nos acostat a is natziones minoritarias prus connotas de s’Europa che sa Catalugna e s’Iscotzia, ponende.nos atesu meda dae su consideru de ultima de is regiones de s’Italia’e giossu chi s’isula tenet oe pro is politicos, is medias e sa cultura peninsulare e chi custos nos imponent, nos faghinde bidere nois etotu cun is lentes issoro deformadas.Ddu amus a resessere in cust’impresa? S’isperantzia mea custa est e est chen’e dudas sa megius ura chi nos podimus faghere pro s’annu imbeniente.
Bona die de Pasca’e Nadale e unu megius annu nou tando, a totus nois europeos de su Mediterraneu occidentale.

Standard